Montessori, ti amoMontessori, I love you

Facciata della mille lire

Da bambini ci lanciavamo al bar con in mano una banconota da 1000 lire tutta stropicciata, per slinguazzare un calippo alla fragola. La signora che ci sorrideva dalla banconota si chiamava Maria Montessori. Il suo più grande merito è quello di aver messo a punto un metodo educativo, che si chiama nientepopodimenochè: "metodo Montessori".

Al contrario del moderno sistema educativo, che prevede l'insegnamento delle stesse materie a tutti i bambini, il metodo Montessori vuole che a ogni bambino sia data la possibilità di scegliere il proprio percorso di apprendimento in base alle proprie inclinazioni.

L'insegnante ha il compito di proporre al pupo un insieme di stimoli (matematici, musicali, pittorici, pratici ecc.) e guidarlo nella scoperta di ciò che più gli aggrada, affiancandolo con metodi di istruzione classica. Ciò vuol dire che se un bambino mostra fin da piccolo uno spiccato interesse per le costruzioni, può coltivarlo in modo focalizzato e costante arrivando ad occuparsi di architettura o ingegneria meccanica già da adolescente. Mentre questo studia la fisica, la bambina che ha piacere nel ballare può imparare le basi del ritmo, degli stili di danza e della coreografia. Entrambi contribuiranno al benessere di tutta la società portando nel mercato del lavoro delle abilità coltivate fin da piccolissimi, che loro stessi hanno scelto.

Il concetto è potente perchè invece di avere una scuola di stile industriale, in cui i ragazzi sono trattati come scatole da riempire, si punta ad un'istruzione personalizzata, mirata a dare (e ottenere) il meglio per ogni singolo talento. Per questo la Montessori ha proposto classi di età mista: ognuno impara al suo ritmo, interagisce con gli altri bambini favorendo apprendimento trasversale e creativo, nonchè una sana interazione sociale e competizione ridotta al minimo.

Sebbene potente, il metodo Montessori è costoso. Credo sia questo il motivo per cui abbiamo tenuto la faccia di Maria sui soldini ma non ce la siamo cagata più di tanto al Ministero dell'Istruzione.
Metodo Montessori vuol dire un rapporto insegnanti:studenti di 1:4 o 1:5. Vuol dire scommettere sul talento dei bambini con venti, forse trenta anni di anticipo.

montessori kids

Queste sono le facce di alcuni "bambini Montessori", ossia adulti che da piccoli hanno frequentato una scuola in cui si applicava il metodo Montessori (si tratta di scuole private purtroppo). Nell'ordine, sono i fondatori di Facebook, Microsoft, Google, Amazon.

Ho tenuto in mano le 1000 lire milioni di volte, sempre visto la faccia di questa signora, e mai mi è passato dalla mente che fosse la madre di idee così innovative. Sono convinto che le spese necessarie a formare una generazione di bambini Montessori siano di gran lunga ripagate dai loro contributi nell'età adulta.

mille lire

Quei bambini potevamo essere noi, ma la nostra occasione è sfumata. Per questo dobbiamo fare di tutto perchè i nostri cuccioli (figli, nipoti, amici) abbiano accesso ad un'istruzione in grado di potenziare i loro talenti innati. In un mondo ideale tutti dovrebbero ricevere tale privilegio.

Lo stile della Montessori può essere seguito anche dagli adulti. Nel mio piccolo cerco di utilizzarlo ogni giorno, imparando sempre cose nuove anche se non ho idea di come utilizzarle in modo pratico (leggi "economico"). Seguo l'istinto e il piacere di apprendere, fine a se stesso.
Vi suggerisco di provare, perchè alla lunga tutto si combina in un bellissimo puzzle di cui adesso si possono vedere soltanto i pezzi... ma la meraviglia è assicurata.

This entry was posted in Generale, Random. Bookmark the permalink.
  • sinus pressure points 16/06/2015 at 20:37

    Staying in the same placement for too long, or functioning
    as well difficult for too long could trigger a migraine.

    Thumb up 0

  • La scuola ribaltata | Pieroit.org 01/10/2013 at 13:37

    […] è un avvicinamento all’utilizzo universale del metodo Montessori, che prevede un insegnamento tagliato sull’individuo e le sue attitudini. La Montessori non […]

    Thumb up 0